Mahmood

Mahmood
Sono solo, in questa stanza blu…

Così esordisce Dimentica, la canzone di Mahmood che si è piazzata al quarto posto dell’ultima edizione di Sanremo Giovani.

L’avete seguita? Non l’avete seguita? Lasciate che vi porti nel mondo di un cantante fenomenale e di un caro amico.

Alessandro Mahmoud nasce a Milano nel 1992 da mamma sarda e papà egiziano, e dà al mondo una manciata d’anni di tregua prima di iniziare a fare la cosa che gli riesce meglio – cantare. Poi cantare non gli basta più, e inizia anche a scriversi i suoi pezzi, perché oltre che bello e talentuoso è anche uno che ha anche qualcosa da dire. E lo dice a modo suo, nella stessa maniera in cui qualsiasi canzone che finisca sotto le sue mani che pigiano i tasti del pianoforte ne esce galvanizzata e targata Mahmood: immediatamente riconoscibile per groove, intensità e un timbro irresistibilmente R&B a chiunque l’abbia ascoltato almeno una volta, ti entra nel cuore e non ne esce più, con la musica, la professionalità, l’umiltà, l’aria svagata e la simpatia che gli hanno guadagnato più di 12 000 appassionati seguaci. E poi c’è il talento, quello innegabile, che lo porta prima sul palco di X-Factor 6, poi ad AreaSanremo; e da AreaSanremo ai quaranta finalisti; e dai quaranta finalisti agli otto vincitori; e dagli otto vincitori ai due selezionati per calcare il palco dell’Ariston questo febbraio.

Partito con niente, solo una canzone e i due amici musicisti Francesco Fugazza e Marcello Grilli che gliel’hanno arrangiata, è arrivato a firmare un contratto con la major discografica Universal, e ora fa la spola tra una radio e l’altra e d’intervista in intervista… ma, soprattutto, è già la terza volta che lo sento passare in un supermercato mentre faccio la spesa, che è il mio personale concetto di celebrità.

Nonostante questo, però, quando ci vediamo è sempre lo stesso, adorabile, incorreggibile e appassionato che non crede del tutto a quel che gli sta accadendo, alla mobilitazione di fan che lo sostengono e che non vedono l’ora di andarlo ad ascoltare al suo primo concerto live dopo l’esperienza sanremese (il 24 di marzo al Serraglio di Milano) e di innamorarsi delle altre canzoni che a breve faranno presumibilmente la loro comparsa nel suo primo disco.

Sono solo…? Io non credo.

Contatti:

Sito: http://www.mahmood.it/

Facebook: Mahmood

YouTube: Alessandro Mahmood

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.