Gita sociale 2017 della Coop di Mezzago

Gita sociale 2017 della Coop di Mezzago

Nella gita sociale l’accento cade l’obbligo sulla parola sociale: cioè dei soci.

Così si ascoltano le idee dei soci che chiedono informazioni già da giugno: chi suggerisce date, chi città, chi luoghi, chi mare, chi laghi … e quest’anno sono stati accontentati questi ultimi: LAGO  SIRMIONE.

Scegliere la meta non è facile perché in novanta e oltre anni di vita della Coop di Mezzago, di luoghi già visitati non si ha più il conto e a volte neppure la memoria.

Negli anni a volte si è discusso in consiglio se non fosse il caso di dividere l’aspetto culinario da quello storico/turistico, ma il cliquè sperimentato da sempre prevale.

Allora ogni anno si cerca di variare qualcosa: un museo appena inaugurato come il MUSE di Trento, la visita all’EXPO di Milano 2015 con laboratorio presso il padiglione al negozio del futuro di COOP, una mostra moderna nei pressi di Torino che tutti ricorderanno per il cavallo imbalsamato appeso al soffitto o come quest’anno una visita storica al Museo di San Martino della Battaglia, episodio importante per l’Unità d’Italia.

Allora cos’è davvero importante in una gita sociale Coop?

Di ritorno sul pullman è nata l’idea di scriverlo a 200 mani: biro e foglietto a ognuno con un’unica domanda: PERCHE’ VENITE ALLA GITA COOP? Sono pervenute 30 “recensioni” (così chiamate dai soci) e considerando che spesso la risposta era di coppia, si può dire che ha partecipato più della metà dei gitanti.

È emerso che si partecipa alla gita sociale per conoscere sempre qualcosa di nuovo della nostra bellissima Italia e della storia degli italiani, per non dimenticare, per divertirsi in compagnia di soci e simpatizzanti e non meno importante pranzare insieme con piatti tipici.

È arrivato anche un particolare ringraziamento ai soci, probabilmente da chi non lo è, che grazie a loro usufruisce ugualmente della possibilità della gita con una piccola differenza economica.

Effettivamente alla gita sociale possono partecipare tutti, chiaramente con priorità ai soci.

La quota richiesta copre una parte di tutte le spese e Coop ci mette il resto.

Questo è la base di una Cooperativa dove 1 + 1 non fa mai 2 ma bensì 2,5 o 3 e la differenza è ciò che viene messo a disposizione dei soci stessi ma anche della società in cui è inserita la Cooperativa.

Quest’anno si è proposto ai soci un triennio di gite storiche: l’Unità d’Italia nel 2017, La Grande Guerra nel centenario della sua fine nel 2018 e la Seconda Guerra nel 2019 approvati con un grande  applauso. Nel 2020 ricorre ilcentenario della costituzione della Cooperativa di Mezzago e qualche idea già bolle in pentola.

Alla prossima gita.

I soci partecipanti della Coop di Mezzago

"Il giornalismo con la partecipazione attiva dei lettori" La Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *