Accogliere

Accogliere

Accogliere è una parola che viene dal latino: ad-cum-ligare, legare insieme. Ma più che cercare il suo significato nel passato, dobbiamo costruirne uno nuovo, adatto ai tempi in cui viviamo, ai problemi con cui ci confrontiamo, alle persone che oggi sono al centro dello scontro politico e sociale: i profughi.

Il fenomeno migratorio non è un’emergenza, ma un fatto strutturale e inarrestabile e se prevarranno le attuali politiche di esclusione l’Occidente rischia il crollo della sua identità. L’Europa, in particolare, non sarà più l’Europa civile dei diritti, della solidarietà, dello Stato sociale inclusivo, delle garanzie, dell’uguaglianza e della dignità delle persone, bensì l’Europa dei muri, dei fili spinati, delle disuguaglianze per nascita e di conflitti razziali. Essa rischia una duplice contraddizione: in primo luogo la contraddizione delle pratiche di esclusione dei migranti quali non-persone con i propri decantati valori di uguaglianza e libertà, iscritti in tutte le sue carte costituzionali e nella stessa Carta dei diritti fondamentali dell’Unione; in secondo luogo la contraddizione tra la proclamata liberalizzazione della circolazione delle merci e dei capitali e la negazione, al contrario, della libera circolazione delle persone, che forma l’oggetto del più antico dei diritti della persona teorizzati dalla filosofia politica occidentale. (L. Ferrajoli 2017)

Queste riflessioni non possono lasciarci indifferenti perché il fenomeno migratorio costituisce veramente il banco di prova di tutti i valori della nostra civiltà. Non possiamo cadere nella trappola della guerra del penultimo contro l’ultimo perché questo ci allontana dal comprendere le vere cause dei molti problemi con cui dobbiamo confrontaci.

Se sei in attesa della casa popolare e ti vedi superato in graduatoria da un cittadino straniero, diventi facile preda dei propagandisti della paura e dell’odio che ti additano nel tuo vicino meno fortunato il nemico, allontanando dalla tua attenzione i veri responsabili della situazione, quella politica del governo (e della regione, cui si deve la disastrosa gestione dell’ALER) che fa sì che in Italia solo il 6% delle abitazioni (poco più di una casa su venti) sia un alloggio di edilizia popolare, contro una casa su cinque in Francia, una su quattro, in Germania, Svezia, Regno Unito, addirittura il 36%, una casa su tre, in Olanda.

Diventa allora importante trovare nuove strade che possano contribuire a cambiare la percezione negativa del fenomeno migratorio cercando di considerare anche il punto di vista di chi, per vari motivi e avendo meno strumenti critici è più facilmente vittima di campagne grossolane.

Il convegno “Rifugiati e lavoro: le buone pratiche” tenutosi lo scorso 24 febbraio presso la Camera del Lavoro di Milano ha voluto essere un primo passo in questa direzione. Il lavoro è la chiave di volta di ogni progetto di accoglienza: il lavoro come strumento per l’autonomia economica delle persone, come mezzo per dare dignità al lavoratore, come fonte di ricchezza per la società intera, come occasione di incontro e di conoscenza per dissipare timori e paure artatamente alimentate

Ci sono molti modi di gestire l’accoglienza dei profughi che arrivano in Italia. I media per lo più si occupano solo dei casi peggiori, quelli che comportano ruberie di ogni genere da parte dei gestori dei centri di accoglienza, isolamento e maltrattamenti delle persone ospitate, creazione di situazioni che sembrano fatte apposta per suscitare o alimentare reazioni di rigetto da parte delle popolazioni locali. Ma ci sono molti altri esempi, spesso anche di successo, di cui i media parlano poco o per niente: ed è proprio di questi che si è parlato nel convegno.

Elencarli tutti richiederebbe troppo spazio possiamo solo accennarne alcuni come ad esempio il progetto ANABASI della società QUANTA, ispirato alla spedizione dei diecimila di Senofonte, il termine greco utilizzato per dar nome al progetto significa letteralmente “risalita” e si riferisce al “percorso” di un gruppo di individui fatto a partire dalla costa, verso l’interno di un territorio. Un “cammino” percepito come arduo e difficile ma al contempo promessa e attesa di una vita migliore. Un termine dunque che sembra esattamente descrivere il “lungo e difficile percorso” che dal mare hanno compiuto i migranti per iniziare finalmente la loro “risalita”. Descrive, al contempo però, anche il “percorso” lungo e difficile (di politiche attive), ideato e messo a punto da Quanta con i diversi partner coinvolti, utile a sostenere tale “risalita” e a rendere più concretizzabile la “promessa di un vita migliore. Progettato partendo proprio dai fabbisogni di professionalità oggi non soddisfatti da lavoratori nostri connazionali, il percorso è stato strutturato per aiutare i migranti aventi diritto a dimostrare i propri meriti compiendo “quattro ulteriori passi”, necessari ad ottenere certificazioni e qualifiche e dunque successive concrete possibilità di inserimento nel mondo lavorativo e nella società italiana.

La Cooperativa Mani e Terra nata nel dicembre 2015 all’interno dell’esperienza di SOS Rosarno, la cooperativa sociale Mani e Terra e’ una cooperativa multi-etnica costituita da contadini e lavoratori calabresi e Africani. Dal 2016, la cooperativa affitta un terreno agricolo di 5 ettari ed e’ attiva da allora sia nella produzione di grano che di ortaggi freschi e semi-trasformati. La cooperativa inoltre e’ responsabile della gestione economica delle campagne produttive di SOS Rosarno. Nel 2018 avviera’ una collaborazione con il consorzio Macrame’ nella gestione di un progetto di Parco fluviale della biodiversita’ su un terreno confiscato alla mafia sito nel comune di Rosarno.

KAMBA afro food & culture che realizza progetti di inclusione sociale, valorizzando le identità gastronomiche dei Paesi di origine dei migranti e, allo stesso tempo, rielaborando i piatti della loro cucina tradizionale per creare qualcosa di inedito e originale. Realizza corsi professionalizzanti di alta cucina afro. Guidati da chef stellati africani, gli allievi imparano a rielaborare i piatti della loro cucina tradizionale creando raffinate composizioni gastronomiche, che vengono proposte al pubblico in vari contesti, dalla cena privata al catering.

DAR = CASA parte di un progetto di housing sociale a Milano. Si tratta di 113 appartamenti e due spazi comuni ai piedi degli edifici. Degli alloggi, 56 sono locati a canone moderato, per famiglie selezionate attraverso avviso pubblico, e 57 a canone sociale, destinati a famiglie selezionate all’interno delle graduatorie dell’edilizia popolare. Nel progetto convivono 19 nazionalità: il 50% delle famiglie è italiana, l’altra metà arriva da 18 paesi diversi. Gli spazi comuni sono il luogo dell’incontro per le famiglie di Voltri e del quartiere.

 

Esempi concreti di come una politica di vera accoglienza e integrazione sia mutuamente vantaggiosa per autoctoni e immigrati.

Per maggiori informazioni è possibile scrivere a convegnolavoropertutti@gmail.com  o  contattare Mariangela Villa (mariangela.villa2008@alice.it).

Progetto Continenti

"Il giornalismo con la partecipazione attiva dei lettori" La Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.