BookCrossing Mezzago

BookCrossing Mezzago

Solidarietà libresca e altre favole

Un vero mezzaghese si riconosce per tre attributi fondamentali: primo, aspetta con ansia il mese di maggio per ovvi motivi dalla punta rosata; secondo, legge regolarmente il Mezzaghero; terzo, per un motivo o per l’altro si ritrova a passare, almeno una volta ogni manciata di settimane, davanti al Comune, che sia per salutare il sindaco, per portare il nipotino al parco giochi, oppure per cambiare medico di base.

Dunque, un vero mezzaghese che sia passato davanti al Comune dal 19 dicembre dell’anno scorso in poi, non avrà potuto fare a meno di notare, proprio accanto all’entrata, una cassettina bellissima, ben curata, stracolma di libri; non avrà potuto fare a meno di imbattersi nella nostra nuova postazione di BookCrossing.

Com’è arrivata sin lì? Chi ce l’ha portata? Perché? È presto detto.

Il fascino del BookCrossing -prendere dalla cassettina il libro lasciato da uno sconosciuto lasciandone uno a propria volta- non è sfuggito a Piano Locale Giovani, il progetto che dal 2016 ha riunito sotto la bandiera della cultura, dell’educazione e della collaborazione molti Comuni del Vimercatese e Trezzese: proprio tramite questo progetto, infatti, in collaborazione con l’associazione Operazione Mato Grosso, Mezzago, Bellusco e Ornago sono entrate in possesso delle splendide arnie che sono state poi riciclate e trasformate nelle cassettine per libri di cui sopra.

“Volevamo creare qualcosa che rimanesse”, spiega Fabio Di Camillo, educatore di Spazio Giovani (ora, appunto Piano Locale Giovani) che ha partecipato all’iniziativa, “e abbiamo subito trovato degli alleati solidali sia nell’Amministrazione Comunale che nella Biblioteca, che si è dichiarata disponibile a rifornire la piattaforma regolarmente”.

Di libri, infatti, ce n’è per tutti i gusti, e in continuo ricambio: libri per bambini, per ragazzi, storie d’amore e d’avventura, libri gialli e chi più ne ha, più ne metta.

Nel vero e proprio senso dell’espressione.

Irina Bordogna

PS La piattaforma comunale non è l’unica che si possa trovare a Mezzago: una esiste già da un paio d’anni grazie alla generosità della famiglia Lenzi, che l’ha costruita all’angolo tra via Garibaldi e via Indipendenza, all’interno del piccolo passaggio con il panettone dipinto di rosa,e l’altra è un fornitissimo scaffale all’interno del Circolo in Piazza.

Fossi in voi, un’occhiatina andrei a darcela.

CONTATTI:

Piano Locale Giovani (PLG): http://pianolocalegiovani.blogspot.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.